Bando Inail 2019 Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi (MMC)

Pubblicato il da Studio di progettazione e consulenza fiscale e tributaria

Bando Inail 2019

Bando Inail 2019

Bando Inail 2019 Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi (MMC)

Bando Inail 2019 Progetti di Investimento asse di finanziamento 2

 

Premessa

L'avviso pubblico ISI 2019 -Sono ammissibili a finanziamento esclusivamente i progetti di miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro  che ricadono all’interno delle Tipologie di intervento elencate nella sezione 3 della tabella 1 e che sono coerenti con le indicazioni e specificazioni tecniche riportate nel presente paragrafo nonché nelle schede di dettaglio relative a ciascuna Tipologia di intervento.

 

Progetti ammessi a finanziamento

1. Riduzione del rischio da movimentazione manuale dei pazienti;

2. Riduzione del rischio legato ad attività di sollevamento e abbassamento di carichi;

3. Riduzione del rischio legato ad attività di traino e spinta di carichi;

4. Riduzione del rischio legato ad attività di movimentazione di bassi carichi ad alta frequenza;

 

Dettaglio relative a ciascuna Tipologia di interveto

1. Riduzione del rischio da movimentazione manuale dei pazienti

OGGETTO: progetti che migliorano le modalità di movimentazione dei pazienti mediante:

- la modifica delle strutture murarie volte ad ampliare gli spazi di manovra dei reparti

- l’acquisto dei seguenti dispositivi medici e dei relativi accessori che consentono di spostare più facilmente il paziente riducendo le sollecitazioni meccaniche per il rachide dell’operatore:

o teli ad alto scorrimento

o tavole di scorrimento

o assi in materiale rigido

o cinture ergonomiche

o carrozzine

o dischi girevoli

o ausili specifici per grandi obesi

o attrezzature idonee al sollevamento di pazienti (sollevatori per pazienti non collaboranti)

- la sostituzione di letti di degenza

AMBITO: ai fini della presente Tipologia di intervento sono finanziabili gli interventi di riduzione del rischio da sovraccarico biomeccanico dovuto a movimentazione manuale dei pazienti all’interno dei reparti. La valutazione va effettuata esclusivamente con il metodo MAPO (movimentazione e assistenza pazienti ospedalizzati) così come riportato dal Technical report ISO/TR 12296.

Sono finanziabili solo i progetti per i quali dalla valutazione del rischio effettuata con il metodo MAPO risulti un indice maggiore di 4. Dalla documentazione a corredo del progetto deve risultare un indice di rischio atteso dopo l’intervento inferiore o uguale a 1,5.

 

2. Riduzione del rischio legato ad attività di sollevamento e abbassamento di carichi

OGGETTO: progetti di riduzione del rischio dovuto alla movimentazione manuale svolta come attività di sollevamento e abbassamento di materiali, da realizzarsi mediante l’acquisto dei seguenti tipi di macchine:

-  manipolatori, robot e robot collaborativi aventi un carico massimo di utilizzazione non superiore a 500 kg

-  piattaforme aventi un carico massimo di utilizzazione non superiore a 500 kg

-  carrelli aventi un carico massimo di utilizzazione non superiore a 2000 kg

-  argani, paranchi e sistemi di gru leggere/gru a struttura limitata e gru caricatrici aventi un carico massimo di utilizzazione non superiore a 500kg

- sistemi automatici di alimentazione

AMBITO: i fini della presente Tipologia di intervento sono finanziabili i progetti di riduzione del rischio legato alle operazioni manuali di sollevamento e abbassamento di oggetti di massa uguale o superiore a 3 kg, così come descritto nel campo di applicazione della norma UNI ISO 11228-1.

Sono finanziabili i progetti per i quali dalla valutazione del rischio ante intervento risulti che l’indice di rischio, inteso come rapporto tra la massa dell’oggetto movimentato e la massa raccomandata, valutato secondo le indicazioni della norma UNI ISO 11228-1 e del Technical report ISO/TR 12295, sia maggiore di 3. Il rischio atteso dopo l’intervento deve essere ridotto di almeno 1 punto rispetto al valore ante intervento; in ogni

caso, il valore finale dell’indice non dovrà essere maggiore di 2.

Per quanto riguarda le operazioni di movimentazione complesse (multicompito), sono finanziabili gli interventi per i quali, dalla valutazione del rischio ante intervento risulti che l’indice (CLI, VLI o SLI, rispettivamente Composite Lifting Index, Variable Lifting Index e Sequential Lifting Index), valutato in accordo con il Technical report ISO/TR 12295, sia maggiore di 3. Anche in questo caso l’indice di rischio atteso dopo l’intervento (CLI, VLI o SLI) deve risultare ridotto di almeno 1 punto rispetto al valore ante intervento; in ogni caso, il valore finale dell’indice non dovrà essere maggiore di 2.

Qualora il progetto sia relativo alla riduzione del rischio connesso a diversi compiti di movimentazione manuale dei carichi, si distinguono i due casi seguenti:

- per attività di movimentazione manuale svolte in serie, l’indice di rischio da considerare è il Sequential Lifting Index (SLI), riferito alla loro totalità

- per attività di movimentazione manuale diverse svolte in momenti diversi del turno (e/o da persone diverse), l’indice di rischio da considerare (semplice, CLI o VLI) dovrà essere riferito a ciascuna attività.

 

 

3. Riduzione del rischio legato ad attività di traino e spinta di carichi

OGGETTO: progetti di riduzione del rischio dovuto alla movimentazione manuale svolta come attività di traino e spinta di carichi, da realizzarsi mediante l’acquisto dei seguenti tipi di macchine:

- manipolatori, robot e robot collaborativi aventi un carico massimo di utilizzazione non superiore a 500 kg

- carrelli aventi un carico massimo di utilizzazione non superiore a 2000 kg

- argani aventi un carico massimo di utilizzazione non superiore a 500kg

-  sistemi automatici di alimentazione

AMBITO: ai fini della presente Tipologia di intervento sono finanziabili i progetti di riduzione del rischio legato alle operazioni manuali di spinta o di traino di carichi così come descritto nel campo di applicazione della norma UNI ISO 11228-2. 

Sono finanziabili i progetti per i quali dalla valutazione del rischio effettuata sia nella fase di attivazione sia durante quella di mantenimento del moto ante intervento risulti che tali operazioni sono eseguite in condizioni di rischio caratterizzate, secondo la norma UNI ISO 11228-2, da un indice di rischio maggiore di 1 2 valutato secondo il metodo 1 oppure da un limite di sicurezza FR maggiore di 1 2 valutato secondo il metodo 2 e per i quali dalla valutazione del rischio atteso dopo l’intervento risulti:

- un indice di rischio minore di 1, come definito nel metodo 1 della norma UNI ISO 11228-2:2009;

-  un limite di sicurezza FR minore di 0,85, come definito nel metodo 2 della norma precedentemente citata.

 

4. Riduzione del rischio legato ad attività di movimentazione di bassi carichi ad alta frequenza

OGGETTO: progetti di riduzione del rischio mediante l’automazione completa o parziale di operazioni del ciclo produttivo che richiedono la movimentazione di bassi carichi ad alta frequenza

AMBITO: ai fini della presente Tipologia di intervento sono finanziabili i progetti di riduzione del rischio legato alle operazioni manuali di movimentazione di oggetti leggeri ad alta frequenza così come descritto nel campo di applicazione della Norma UNI ISO 11228-3. Per tali progetti dalla valutazione del rischio ante intervento deve risultare un indice di rischio calcolato con il metodo OCRA Index (norma UNI ISO 11228-3 e ISO/TR 12295) maggiore di 4,5 oppure un punteggio, calcolato con la check list OCRA così come riportata nel ISO/TR 12295,

superiore a 14.

Inoltre, dalla valutazione del rischio atteso dopo l’intervento deve risultare un indice di rischio calcolato con OCRA Index inferiore o uguale a 3,5; nel caso in cui l’OCRA Index prima dell’intervento risulti superiore a 9, il suo valore post intervento deve essere inferiore a 4,5.

Qualora il rischio ante intervento sia stato calcolato con la check list OCRA, il suo punteggio deve risultare inferiore o uguale a 11; nel caso in cui il punteggio, prima dell’intervento, risulti superiore a 22,5, il punteggio atteso dopo l’intervento dovrà essere inferiore o uguale a 14.

L’automazione deve riguardare solo le operazioni interessate dal rischio oggetto del finanziamento.

 

Presentazione della domanda e servizio professionale

Dal 16 aprile al 29 maggio 2020 sarà possibile accedere alla procedura informatica e compilare la domanda di partecipazione online per accedere agli incentivi previsti dal Bando ISI Inail, che mette a disposizione delle imprese per interventi in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro.

Si offre servizio di consulenza e redazione e preparazione della documentazione da presentare,  inviare e di rendicontazione finale, onorario spettante in percentuale dal 10 al 3% dell'importo richiesto, spese ammissibili a finanziamento.

Esempio investimento:

- € 5.000,00 al 10% onorario spettante € 500,00  iva e accessori compresi;

- € 130.000,00 al 3% onorario spettante € 3.900,00 iva e accessori compresi;

 

 

Per info o generica consulenza gratuita  splafenice@outlook.it

 

Articolo di Gabriele Uberti - Professionista dal 2010 Esperto in termotecnica  efficienza e risparmio energetico, ha conseguito nel 2018 il Certificato di SCOoPE Energy Manager per il settore alimentare. Abilitato dal 2020 ai servizi Entratel Consulente Fiscale, Tributario e amministrativo. Europrogettista per la predisposizione dei bandi Europei. Professionista L.4/2013

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post