Pompe a lobi

Pubblicato il da infortunistica

Sono costituite da uno statore di forma opportuna, detta camera di lavoro, che ospita due corpi rotanti, a loro volta di forma opportuna, in genere realizzati a due o tre lobi.
 
Pompa a due lobi
 
 Fonte dell'immagine clicca sul link
 
 
In genere ciascuno dei lobi è collegato a sbalzo su un albero ad una estremità del quale è alloggiata una ruota dentata di trascinamento, sicchè è la coppia di ruote dentate, alloggiate in una apposita scatola di trasmissione e ingrananti tra loro, che conferisce il moto di rotazione ai due lobi.
 
La separazione delle ruote dentate dai lobi consente di realizzare pompe oil - free, adatte a risolvere il pompaggio di particolari liquidi, come ad esempio può avvenire nel settore alimentare.
 
Il rendimento volumetrico è legato ai giochi, da limitare al massimo, esistenti tra i lobi e tra questi e la cassa.
 
La portata elaborata è proporzionale alla velocità di rotazione.
 
 
 
 
 
 Note del Per. Gabriele Uberti
 
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post